giovedì 5 ottobre 2017

L’Ucraina e la sua architettura popolare


Sono molteplici le attrazioni che contraddistinguono l’Ucraina dal punto di vista turistico come ad esempio monasteri, terme ed antichi castelli. Più di 500 città hanno più di 900 anni e circa 4500 villlaggi hanno una storia che risale a 300 anni fa. Ciò che però costituisce un aspetto molto suggestivo sono le tante chiese in legno, costruite fra il XIV e il XVIII secolo e ancora utilizzate come luoghi di culto. Sono dei veri e propri monumenti che rappresentano la manifestazione tipica del patrimonio
culturale ucraino e dello
straordinario spirito sacro del
passato. Se ne contano più di tremila, sparse in tutto il territorio, otto di queste sono state iscritte nella lista del Patrimonio Mondiale Unesco nel 2010 e in contemporanea è stato avviato un progetto per promuovere la conservazione e la fruizione di tutti gli edifici sacri del paese. Si trovano per lo più nella regione occidentale, in zone rurali e sono degli autentici
capolavori
gotici unici al mondo, che intrecciano
elementi della tradizione ecclesiastica ortodossa con elementi della tradizione locale, realizzate dagli stessi abitanti del villaggio. Risultano costruite su un piano tripartito e sono sormontate da cupole ottagonali o quadrilateri; presentano campanili , tappeti colorati e pregevoli decorazioni interne policrome che illustrano molteplici riferimenti simbolici e sacri, relativi alle tradizioni. Fra i santuari che meglio si sono conservati vi è la Chiesa di San Michele Arcangelo, ubicata nella regione dei
Carpazi, costruita con la tecnica del legno orizzontale, avvalendosi di eccezionali abilità di carpenteria, ha mantenuto interamente le sue parti originali. Questa costruzione è talmente ben posizionata sul pendio da sembrare cresciuta spontaneamente dal terreno. A Kiev, è stato realizzato il Museo di
Architettura popolare e della vita rurale con l’intento di conservare l’architettura in legno del paese, ospita più di 105 elementi architettonici e la più antica in legno del villaggio di Kruyka. Attualmente è uno dei più
grandi musei a cielo aperto d’Europa. Il 18 aprile scorso, in
occasione della Giornata internazionale per i Monumenti , Google Ucraina, in collaborazione con il Ministero della Cultura dell’Ucraina, ha creato un 3D Accedendo al sito https://ukraine-kiev-tour.com/ukraine-wooden churches.html è possibile inoltrarsi in queste opere d’arte, espressione dell’ architettura vernacolare. Esse contribuiscono a fare dell’ Ucraina, paese con un forte multiculturalismo e privo di un turismo di massa, una destinazione dell’Europa orientale densa di fascino e autenticità.


                               Giuseppina Serafino