Cerca in YouTube:

Loading...

domenica 23 novembre 2014

“I Migliori Vini Italiani” al Museo


Nella suggestiva cornice del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia  di Milano, è stato organizzata la prima edizione di “I Migliori Vini italiani".  La scelta di questa location, da parte di  Luca Maroni, analista sensoriale e una delle
più note firme italiane dell’enologia italiana, è dovuta al fatto di voler rendere un forte impatto emozionale verso la conoscenza dell’universo vino. La kermesse è iniziata con la premiazione dei migliori produttori della Regione Lombardia, presenti nella ventiduesima edizione dell’Annuario dei Migliori Vini Italiani 2015. Ad ottenere il riconoscimento sono stati: Il Franciacorta 1701 Satèn 2009 (Miglior Spumante Metodo Classico), il Pinot Nero Rosè Brut Cruasè Isimbarda (Miglior Spumante Metodo Classico Rosè), il Pinot Nero Spumante Charmat Extra Dry Vanzini (Miglior Spumante Metodo Charmat), il Cuvèe Eleonora Giorgi Extra Dry Rosè (Miglior spumante Metodo Charmat Rosè), il Corte di Cama Sforzato Valtellina 2012 Mamete Prevostini e il Pinot Nero 2010 Podere Bignolino (rispettivamente primo e secondo Miglior Vino Rosso Lombardia).All’azienda Ca’ del Bosco è stato conferito il riconoscimento come miglior Produttore della Lombardia. Luca Maroni ha affermato che la sua metodologia di valutazione, attribuisce un semplice valore numerico alla qualità del vino,  poiché egli intende fornire un metodo di valutazione universale e scientifico basato sui tre parametri di Consistenza, Equilibrio e integrità. I migliori vini italiani al vertice della classifica con un punteggio di 99, sono stati: il Lambrusco Marcelo Ariola, il Barbera  Merum 2012 bellicoso, il Montepulciano d’Abruzzo Janù 2011 Jasci & Marchesani, il Ruchè L’Accento 2013 Montalbera, l’Eremo di San Quirico Aglianico Campi Taurasini 2011 nativ. L’auspicio espresso nel corso della  affollata serata di avvio della manifestazione  è stato quello che i produttori possano creare dei video che,  tramite immagini d’autore, permettano di   “gustare” visivamente le eccellenze vitivinicole da loro realizzate.
                                                                                 Giuseppina  Serafino